Contributo Enasarco: si o no sulle provvigioni pagate successivamente alla cessazione del rapporto?

Domanda classica di rito quando termina un rapporto di agenzia che genera spessissimo errori anche sul piano previdenziale dell’agente.

Il contributo è dovuto nel momento in cui matura il diritto alla provvigione, indipendentemente da quando la stessa verrà pagata all’agente o fatturata dall’agente.

Ad eccezione degli agenti operanti in forma di s.p.a. o s.r.l., che seguono una regola particolare e diversa, nel caso di provvigioni maturate dopo la cessazione del rapporto i contributi non ripartono da zero ogni anno: si dovrà andare a vedere il massimale e l’aliquota non dell’anno in cui le provvigioni sono maturate bensì massimale e aliquota dell’anno di cessazione.

Se il massimale dell’anno di cessazione è stato raggiunto non dovrà essere operato nessun versamento Enasarco anche se le provvigioni continuano a maturare!

Consiglio: gli agenti devono seguire ( o far seguire per loro conto) anche questa fase di liquidazione, post contratto, delle provvigioni e contro-verificare sempre e molto attentamente che i versamenti siano stati effettuati correttamente dal preponente.

Dott.ssa Barbara Zanussi

Share This

Condividi questo post con i tuoi amici e colleghi!

Continuando la visualizzazione del sito, acconsenti all'utilizzo dei Cookies. Ulteriori informazioni

Le modalità d'uso dei Cookies di questo sito sono impostate su "permetti Cookies" per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'uso di questo sito senza cambiare le tue impostazioni dei Cookies o fai click su sul pulsante "Accetta" allora stai acconsentendo a questo.

Chiudi